Trucchi For Honor, i migliori metodi per la difesa

di Enrico Cantone Commenta

Uno dei titoli più riusciti di questo inizio 2017 è di certo For Honor: il prodotto di Ubisoft ha già “ipnotizzato” milioni di giocatori intenti a darsi battaglia in combattimenti all’ultimo sangue. Ed è apparso subito chiaro che, sebbene l’attacco resti la forma più efficace per portare a casa i match, una difesa coriacea è il segreto per indirizzarli dalla nostra parte.

for honor

Oggi vi mostriamo due tecniche che permetteranno di rintuzzare al meglio i colpi degli avversari e, nel secondo caso, provare anche a trarne vantaggio in fase offensiva. Il primo consiglio, probabilmente quello più scontato, è quello di utilizzare costantemente la modalità di guardia. E’ attivabile col pulsante L2 e permette, con un pizzico d’anticipo, di prevedere da che parte arriverà il colpo dell’avversario. Troppo semplice per neutralizzare tutti gli attacchi, ecco però che se abbinata con tempismo alla doppia pressione sul tasto X diventa una gran tecnica di difesa: con quest’ultimo passaggio, infatti, il nostro personaggio attuerà la schivata all’indietro, preziosissima.

Per i più audaci c’è poi la tecnica del contrattacco fulmineo. Il nostro consiglio è di utilizzarla soprattutto in situazioni di svantaggio, considerato che il rischio di non eseguirla alla perfezione è alto (le conseguenze potrebbero essere fatali). In questo caso i riflessi saranno fondamentali: per pochi decimi di secondo, poco prima dell’attacco dell’avversario, sarà riconoscibile il segnale di attacco rosso che permetterà di preparare subito la contromossa. Che, in alcuni casi, può portare a risultati davvero enormi considerato che l’avversario si troverebbe con la direzione dei propri colpi completamente vulnerabile ai nostri attacchi. Provate queste due trucchi di difesa su For Honor e diteci cosa ne pensate!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>