Atari ed Eden Games, la crisi si fa sentire

di Roberto Commenta

È un periodo di crisi per tutti, anche per il mondo dei videogiochi: la storica Atari si è ritrovata a dover far quadrare i conti, dopo che il bilancio del 2012 ha fatto segnare un profitto di $ 51.3 milioni, a differenza dei $77.8 fatti registrare nello stesso periodo dell’anno precedente. Ciò nonostante, Atari ha riportato quest’anno una quantità inferiore di perdite rispetto al 2011 ($4.8 milioni a fronte dei precedenti $8 milioni), grazie alla politica di dismissione intrapresa qualche tempo fa, e che oggi interessa anche Eden Games.

In un primo momento, infatti, si era diffusa la notizia che Atari avesse addirittura optato per la definitiva chiusura dello studio francese, così da poter far fronte alle perdite dello scorso anno. In un secondo momento, è stata la stessa Atari a diffondere un comunicato ufficiale, nel quale spiegava quali sono i piani reali della compagnia per far fronte alla crisi: Eden Games rimarrà aperta, ma ne è stata avviata un’opera di dismissione che Atari ritiene fondamentale per spostare il suo target sui giochi mobile e i browser game, particolarmente graditi alla sua utenza.

Ecco il comunicato di Atari:
“Il nostro bilancio conteneva una nota sulla dismissione di Eden Games. Vogliamo chiarire che lo studio non è stato chiuso e che continuerà il supporto ai titoli Eden sia su console che su PC, con particolare menzione a Test Drive Unlimited 2, mentre la dismissione prosegue. La dismissione è in linea con la nostra strategia precedentemente discussa di utilizzare la libreria delle nostre proprietà intellettuali su device mobili, dove inizialmente ha avuto un grande successo, e attraverso il gioco online e la vendita delle licenze.”

Continueremo a tenervi informati sull’evoluzione di tutte le ultime novità su Atari ed Eden Games. Continuate a seguirci e a tenerci d’occhio!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>