Gears of War: Judgment, anteprima

di Redazione Commenta

Una delle saghe di maggior successo nel mondo Xbox lo scorso anno si è goduta il successo del terzo capitolo. Ora però è arrivato il momento di cambiare e così il prossimo, Gears of War: Judgment, sarà il titolo della svolta. Se dal primo al terzo non è mai cambiato tantissimo, questa volta testeremo diverse novità. A cominciare dal racconto della trama, una narrazione innovativa che si interseca col flusso di gioco e che, a quanto pare, sarà il modo in cui continuerà la saga anche dopo Judgment.

La trama si svolge intorno alla Kilo Squad, formata dalle facce familiari di Damon Baird e Augustus Cole, aiutati da due new entries, Sofia Hendrik e Garron Paduk. Questi quattro dovranno porre rimedio alle azioni compiute nel capitolo precedente, ovviamente le due trame sono collegate a doppio filo, e questo è forse il punto debole del franchise, dato che un giocatore nuovo potrebbe sentirsi un po’ spaesato.

Vengono rivissuti i momenti della battaglia di Halvo Bay, con le testimonianze di ognuno dei personaggi che cambiano a seconda delle scelte del giocatore. Il Judgment non è altro che il processo a cui vengono sottoposti questi quattro soldati, i quali a seconda delle loro risposte potranno portare ad una sentenza positiva o negativa. Aspetto molto intrigante che lascia intendere finali multipli.

Una trovata interessante è che, durante i ricordi, nell’ambiente saranno presenti dei COG tags, dei segnali ai quali ci si può avvicinare per ascoltare la testimonianza. Ognuno di questi tag può cambiare le variabili ambientali, e dunque modificare lo scorrere del gioco. Tutto ciò nell’insieme può stimolare a rigiocare il titolo più volte, in modo da valutare come cambia a seconda delle risposte che si danno. Senza dubbio imperdibile per chi ha giocato ai titoli precedenti, può essere interessante anche per i neofiti. L’uscita è prevista per il prossimo 19 marzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>