Dead State, arriva il primo RPG zombesco

di Redazione Commenta

Fino ad oggi i videogiochi a tema zombie erano quasi esclusivamente action game. Si potevano differenziare di poco passando allo sparatutto, in prima o terza persona, ma mai più di tanto. Ora è stato realizzato il primo gioco di ruolo con questa tematica. A produrlo è la DoubleBear Productions, finanziata su Kickstarter dai fans che ancora non si sono stancati di videogiochi zombeschi, attirati dall’idea di affrontare l’epidemia in un RPG in questo innovativo Dead State.

Il risultato, a guardare il video in fondo alla pagina, non sembra proprio esaltante, ma perlomeno è un gioco diverso dal solito. La grafica è isometrica 3D, ovvero per intenderci come quella dei videogiochi di strategia di 5-10 anni fa (a volte ricorda The Sims 2), basata sul concetto di punta e clicca, ovvero con il mouse si seleziona il personaggio e si clicca sul punto in cui si vuole che vada e lui si muove. Anche i combattimenti avvengono in modo simile ai turni, sempre cliccando sull’arma e sul bersaglio.

L’audio è composto quasi esclusivamente dalla colonna sonora, interrotto qui e là da alcuni effetti sonori come la mazza che si infrange sulla testa del povero zombie di turno, mentre non ci sono dialoghi parlati ma i vari discorsi si leggono solo sulle scritte che escono in sovrimpressione, al fianco dell’immagine del personaggio che sta parlando. Anche se non è il massimo dell’azione e del coinvolgimento, ci sono alcuni dettagli piuttosto interessanti.

Gli zombie ad esempio, sono stupidi, è vero, ma sono attirati dal rumore, e non appena ne provochiamo uno verremo assaliti da un’orda affamata. Per questo vi sentirete in obbligo di agire in modo prudente. Inoltre, vista la bellicosa natura umana, gli altri sopravvissuti sono più pericolosi degli zombie stessi, e così oltre ad affrontare questi mostri dovremo vedercela anche con altri tipi di nemici.

Vengono introdotte anche alcune novità come ad esempio il morale dei nostri personaggi che, come i Sims, può essere sollevato fornendogli snack oppure oggetti utili o di lusso, senza i quali magari gli finisce sotto i tacchi. Per restare più ancorati al realismo inoltre si è deciso di non far ottenere punti esperienza uccidendo gli zombie, ma solo effettuando missioni o procurandosi beni di prima necessità. Questo perché dagli zombie bisogna scappare e non affrontarli. Il video qui sotto riguarda ancora la fase beta e molto deve essere ancora migliorato, ma un’idea di come sarà il gioco la dà. Il periodo di uscita previsto è il mese di dicembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>