Resident Evil 6, la critica è divisa tra delusi ed entusiasti

di Marco 1

Senza dubbio è uno dei titoli più attesi di questa stagione, forse appena qualche gradino dietro i titoli sportivi (FIFA e PES), Assassin’s Creed 3 e Call of Duty Black Ops 2, ma chi ci ha potuto giocare non sembra sia rimasto così contento. A prescindere dalle demo, che comunque è stata di ottima fattura, alla fine gli utenti hanno mostrato fin troppe critiche per quello che doveva essere uno dei giochi dell’anno: Resident Evil 6.

Oggi infatti esce ufficialmente in Europa ed in America, ed i primi commenti cominciano a fioccare. Sul sito Metacritic, la Bibbia delle critiche, attualmente i voti negativi sono il doppio di quelli positivi nella versione PC, ma sono positivi quelli dei redattori del sito. Nella versione PlayStation 3 invece è il contrario, negativi quelli dei redattori, positivi quelli degli utenti. Ancora non ci sono riscontri invece nella versione Xbox.

Da notare però che anche se si parla di voti positivi, siamo comunque ben al di sotto dei big del mercato videoludico. RE6 per PC ha infatti ottenuto soltanto 77 punti su 100, la versione PS3 ancor meno, 68. Le critiche maggiori riguardano il fatto che, nonostante dovrebbe essere un gioco horror, non fa paura per niente, ma soprattutto la delusione deriva dal fatto che i fans si aspettavano di più, arrivando persino ad affermare che Resident Evil 5 fosse persino migliore.

E i grandi siti internazionali? Come dicevamo, esattamente come gli utenti, si spaccano in due. Qui troviamo anche molte vie di mezzo, ma si passa dall’esaltante 88 su 100 di PlayMag al 40 su 100 di Polygon, anche se la media è tra il 60 ed il 75. Insomma, un voto sufficiente, molto meno dei vari Sleeping Dogs e persino i videogiochi LEGO usciti negli ultimi tempi. Se si trattasse di un franchise tutto nuovo sarebbe positivo, ma trattandosi di uno dei “padri” delle saghe moderne, i fans sono autorizzati ad essere arrabbiati.

Commenti (1)

  1. Grazie per il vostro articolo, mi sembra molto utile, proverò senz’altro a sperimentare quanto avete indicato… c’è solo una cosa di cui vorrei parlare più approfonditamente, ho scritto una mail al vostro indirizzo al riguardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>