Call of Duty Warzone: resoconto a pochi giorni dall’uscita

di Roberto S. Commenta

La Warzone di Call of Duty è disponibile gratuitamente per tutte le persone che vogliono giocarci. A quanto pare il Battle Royale del momento ha esordito meglio del furono Apex Legends e Fortnite.

La Warzone è suddivisa in due tipologie di gameplay: 1- il “battle royale” classico, quello che tutti ormai conosciamo. 150 giocatori si sfidano su una mappa che racchiude vari scenari del gioco stesso e vince la squadra che sopravvive per ultima. Non manca la frenesia tipica dei CoD, come non manca nemmeno il tatticismo tipico del battle royale. Potete affrontare la partita come meglio volete, non c’è limite al divertimento. Una grandissima novità nel genere è il Gulag, la prigione dove finirete una volta morti e dove vi affronterete con altri giocatori in 1v1 all’ultimo sangue per sopravvivere e ritornare in partita. Nel caso in cui non ce la facciate il compagno di team potrà sempre riportarvi in vita tramite dei negozi sparsi e continuare la vostra partita con sete di riscatto. Inoltre prima di morire definitivamente si ha la possibilità di essere rianimati nel caso in cui veniate feriti o di rianimarvi da soli nel caso in cui abbiate comprato il kit medico apposito al negozio definito “autorianimazione”.

2- “Malloppo” è la modalità dove sulla stessa mappa enorme i giocatori dovranno sfidarsi a chi raccoglie più denaro tramite le missioni su campo o raccogliendolo da altri team, compresi quelli segnalati come i più ricchi e dove la caccia sarà continua e spietata. Nel caso foste voi sappiate che sarete braccati di continuo e non c’è limite alla frenesia sino a quando la partita sarà terminata. Vince chi avrà raccolto più denaro tramiti i punti di recupero che verranno suddivisi nella mappa.

Insomma non c’è assolutamente tregua al divertimento. Certo i camper non mancano, perché lo scopo del Battle Royale è quello di sopravvivere e talvolta bisogna fermarsi un attimo per pianificare la prossima mossa o semplicemente aspettare che la zona di salvataggio si sposti.

L’esordio

I numeri parlano chiaro: ben 15milioni di iscritti al suo esordio, che superano di gran luna quelli registrati con Fortnite ed Apex Legends. Non è un cambio drastico di rotta, ma cod sembra essere sulla strada giusta per sbaragliare la concorrenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>